Mostra fotografica “Alla scoperta dei luoghi di sempre”

Mostra fotografica “Alla scoperta dei luoghi di sempre”

Sabato 25 ottobre alle ore 10 verrà inaugurata la mostra fotografica di Enzo Crispino intitolata “Alla scoperta dei luoghi di sempre”, un viaggio nei paesaggi suggestivi dell’Appennino Tosco Emiliano. La mostra, a cura di Rosella Fantuzzi, verrà allestita all’interno del Castello Medievale di Montecchio Emilia e sarà aperta al pubblico dal 25 Ottobre al 21 Novembre.

Vi proponiamo di seguito la descrizione della mostra fotografica da parte della curatrice Rosella Fantuzzi

L’autore Enzo Crispino

Il fotografo Enzo Crispino

Enzo Crispino nasce in provincia di Napoli, in giovane età si trasferisce con la famiglia, nel reggiano, dove attualmente vive e lavora. Fin da ragazzo inizia un percorso personale nel campo della fotografia, interesse, a cui si dedica da autodidatta, che cresce sempre più, fino a diventare a tutt’oggi la sua più grande passione.

Presente in vari siti fotografici, a cui partecipa attivamente, nell’ultimo periodo ha conseguito rilevanti risultati in numerosi concorsi nazionali e internazionali aggiudicandosi importanti nomination, finali e premi.

Affascinato dal territorio del nostro Appennino, appena può si “rifugia” tra monti e valli, dove ama passeggiare per cercare e scoprire sempre nuove e uniche suggestioni, fra luoghi conosciuti e famigliari, che ogni volta però, si mostrano e appaiono diversi, perché diverse sono le inquadrature, come diverse sono le percezioni e le emozioni.

La mostra fotografica

Un viaggio raccontato per immagini, incontrate e raccolte come un fiore, realizzate con occhio attento e sensibile, in cui l’obiettivo intercetta e indaga, con scrupolosa pazienza, la composizione da scattare, sempre particolare, unica autentica e irripetibile, per esprimere al meglio il pensiero, il punto di vista che si vuole comunicare.

Poetiche e magiche atmosfere narrate da soffici nebbie soffuse o impenetrabili, coltri di nubi leggiadre o minacciose, abbracciano enigmatici paesaggi misteriosi, quasi fiabeschi e surreali. Fitte nebbie intrappolate nelle valli, sembrano laghi, tutto scompare alla, vista rimangono visibili solo le vette più alte, che paiono terre emerse dalle acque.

Diffuse luminosità rifrante dalla bruma, avvolgono e racchiudono evanescenti bagliori, penetrano fitti fogliami, o rami ormai spogli, del bosco ed evidenziano il contrasto con intense zone d’ombra, le cui compatte oscurità sottraggono e nascondono allo sguardo la scena, facendo pensare a certe oscurità interiori che confondono e smarriscono l’anima.

"Nuova luce sul bosco" di Enzo Crispino

Sentieri ormai corrosi, tracciati dall’uomo, conducono a destinazioni sconosciute, sospese nella dimensione leggera e spensierata dei sogni e della fantasia, dove tutto è possibile. Poi lentamente le nebbie e le nubi si diradano e tutto riappare e appare più chiaro e nitido, tranquillo e pacato.

Morbide linee, introdotte da tramonti infuocati, caratterizzano lievi pendii collinari, campi coltivati, illuminati da calde tonalità, incrociano e fondono armonia con terreni dalla vegetazione spontanea, tipica del territorio. Ma un albero solitario assiste all’arrivo di un inquietante temporale, che presto spegnerà anche l’ultimo raggio di sole e tutto ricomincia nel susseguirsi di ritmi e cicli, scanditi dal continuo ripetersi degli eventi, che però ogni volta mutano, cambiano e trasformano in modo diverso i paesaggi emozionali che sono sempre diversi anche per piccole, quasi impercettibili, vibrazioni dell’anima.

Informazioni sulla Mostra:

Enzo Crispino: 3289498805
Email:
gatto.c@alice.it
Sito:
www.enzocrispino.com

Orari di apertura

Lunedì 9.00 – 13.00 15.00 – 18.00
Martedì 15.00 – 18.00
Mercoledì 9.00 – 13.00
Giovedì 9.00 – 13.00 15.00 – 18.00
Venerdì 15.00 – 18.00
Sabato 9.00 – 12.00
Domenica e festivi 15.00 – 18.00
"Colore" di Enzo Crispino su tela 65x70 cm

 

2 Commenti su “Mostra fotografica “Alla scoperta dei luoghi di sempre””

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>